Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

formazione insegnanti

corsi di yoga

yoga individuale

meditazione

meditazione interattiva

Contatti

Abhyāsa e Vairāgya secondo Patañjali.

CLASSIFICAZIONE E COSTRUZIONE DELLE SEQUENZE YOGA

 

Condotto da Gianfranco Del Moro e Marco Passavanti.

Con una lezione di Federico Squarcini.

 

29 giugno- 3 luglio 2018

Fanano, Sestola (MO)

Ayco Squarcini 2018

Gli Yogasutra di Patanjali: seminario a Roma

Gli otto aṅga nella pratica.

Dagli antichi sutta buddhisti agli Yogasūtra di Patañjali

Seminario con Federico Squarcini

Roma 2018

Celebri proprio per l’aver proposto un percorso verso il samādhi distinto in otto ‘membri’ (aṅga), gli Yogasūtra di Patañjali indicano le tappe di una metodica sistematica e organica. L’opera di Patañjali, però, non è né la prima né la sola ad aver adottato uno schema in otto parti per disporre la propria idea di emancipazione.

Questo ciclo di incontri ha l’obiettivo di illustrare ed esplorare sia alcune delle formulazioni degli otto aṅga presentate in opere precedenti agli Yogasūtra, sia il dettaglio logico-pratico del modello approntato da Patañjali, con l’ambizione di far comprendere meglio le ragioni pratiche della ben nota sequenza yama, niyama, āsana, prāṇāyāma,pratyāhāra, dhāraṇā, dhyāna e samādhi.

 

Ajahn Mahāpañño: "Non complicare la vita"

Incontro con Ajahn Mahāpañño
Sabato 4 novembre 2017 presso AYCO Accademia Yoga di Consapevolezza, Roma

Ajahn Mahāpañño, monaco del Monastero di Santacittarama, ha condiviso con i praticanti AYCO un pomeriggio di pratica di meditazione, tenendo un discorso di Dharma e rispondendo alle domande dei presenti.

 

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde