Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

formazione insegnanti

corsi di yoga

yoga individuale

meditazione

meditazione interattiva

Contatti

treviso seminario 4

Seminario Viniyoga e Meditazione

Lo Yoga delle otto membra di Patañjali (Aṣṭāṅga Yoga di Patanjali)- Il Nobile Ottuplice Sentiero del Buddha (Ariya Aṭṭhangika Magga del Buddha)

Con Gianfranco Del Moro

27-28 maggio 2017

Treviso

treviso seminario 3

Seminario di yoga e meditazione con Marco Passavanti


4-5 marzo 2017

Treviso

Nella tradizione del Viniyoga di Krishnamacharya e Desikachar – uno yoga basato su un approccio dolce, graduale, e rispettoso della persona – il termine svatantra indica la qualità dell’allievo che ha raggiunto l’autonomia dopo avere appreso le tecniche dello yoga. 

Scopo di questo seminario è gettare le prime basi per una pratica autonoma di yoga e di meditazione, esplorando una serie di pratiche, semplici ma efficaci, di āsana (posture), prāṇāyāma (esercizi respiratori) e dhyāna (meditazione).  

Viniyoga, Meditazione silenziosa, Meditazione interpersonale

treviso seminario 2

Gianfranco Del Moro

3-4 dicembre 2016

Treviso

L'incontro si inserisce nel contesto del corso “Sva Tantra Adhyayana” (L'apprendimento dell'autonomia), una serie di incontri condotti da Gianfranco Del Moro e Marco Passavanti.

Perché Sva Tantra Adhyayana?

Riteniamo che la pratica (yoga e meditazione) costituisca il fattore che per eccellenza contribuisce a migliorarci. Pensiamo che non sia sufficiente limitarsi a praticare una volta ogni tanto o una volta a settimana, da qui l’esigenza a rendere minimamente autonomi gli allievi affinché possano garantirsi una pratica frequente.

 

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde