Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

seminari yoga

Nella tradizione del Viniyoga gli āsana, o posizioni, sono un aspetto fondamentale della pratica, e costituiscono di solito il primo approccio allo yoga.

Secondo una celebre definizione di Krishnamacharya, un āsana per essere tale deve essere caratterizzato dal «venire insieme» (saṃgati) di quattro elementi fondamentali: il corpo (kāya), il respiro (prāṇa), gli organi di senso (indriya) e la mente (città).

asana3

L’āsana si realizza perciò nel momento in cui questi quattro aspetti sono associati e armonizzati. Il lavoro con le posizioni non è dunque inteso come un semplice esercizio ginnico, ma come una pratica che coinvolge diversi livelli della persona, livelli che si rivelano profondamente interconnessi.

L’assunzione, la permanenza e l’uscita da una posizione sono armoniosamente scandite dalle varie fasi del respiro (inspirazione, ritenzione a pieno, espirazione e ritenzione a vuoto); l’attenzione viene orientata su punti specifici del corpo; si sviluppano sistematicamente determinati atteggiamenti mentali (bhāvanā) che imprimono alla pratica qualità particolari; e si rimane in contatto nel modo più immediato e diretto possibile con le sensazioni percepite al livello corporeo, respiratorio, mentale ed emotivo.

asana4

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde