Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

formazione insegnanti

corsi di yoga

yoga individuale

meditazione

meditazione interattiva

Contatti

Le attività riprendono il 20 settembre 2021

                               I corsi vengono svolti nella doppia modalità (in presenza e online)

(Attività riservata ai soci e ai tesserati)

Per approfondimenti sulla pratica di yoga andare alla voce di menu yoga di gruppo

lunedì

martedì

mercoledì

giovedì

venerdì

 

10.45-12.00  yoga

 

 

10.45-12.00  yoga

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20.00-21.15  yoga

 20.00-21.15  yoga

 20.00-21.15
meditazione

20.00-21.15  yoga

  20.00-21.15  yoga

di Gianfranco Del Moro

La mia prima vera esperienza di meditazione avvenne nei primi anni ’90, in occasione dei seminari condotti da Vimala Thakar a Dalhousie, in India, rivolti a insegnanti e praticanti di yoga occidentali interessati ad approfondire gli aspetti filosofici dello yoga attraverso lo studio di antiche Upaniṣad, Bhagavad-gītā e Yoga-sūtra di Patañjali. Durante l’incontro di meditazione che precedeva il discorso quotidiano, sedevamo mezz’ora insieme con Vimala in silenzio, senza alcuna istruzione particolare. Da inesperto, non avendo ricevuto indicazioni sul da farsi, la mia mente vagabondava tutto il tempo, totalmente inconsapevole, oggi me ne rendo conto, degli stati avversivi, in cui ero immerso, a causa soprattutto della postura scomoda.

di Marco Passavanti

 Una categoria di praticante di yoga a oggi poco studiata è quella del maschio yogico occidentale (vir yogicus occidentalis). Se la sua controparte femminile gode di una cospicua visibilità mediatica ed è da tempo oggetto di colte disamine e di una mole enorme di letteratura a lei dedicata, le abitudini e il carattere del maschio yogico nostrano rimangono pressoché sconosciute ai più, forse a causa della sua netta inferiorità numerica rispetto alle yoginī, o forse a causa del radicato pregiudizio che vede nello yoga un’attività femminile e svirilizzante. Sarà perciò utile tracciare alcuni idealtipi di vir yogicus occidentalis, tanto per iniziare a circoscrivere il fenomeno. A tale proposito, dopo vari decenni di ricerca sul campo, sono arrivato a delineare otto tipologie essenziali di maschio yogico:

 

seminario-yoga-individuale-cikitsa-2020

YOGA A DUE (o yoga individuale)

Seminario esperienziale/teorico online

con Gianfranco Del Moro, Marco Passavanti e Matteo Bovis

30 ottobre – 1 novembre 2020

online su zoom

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde