Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

formazione insegnanti

corsi di yoga

yoga individuale

meditazione

meditazione interattiva

Contatti

Bhikkhu Anālayo

Quest’articolo presenta una prospettiva buddhista sulla sfida posta dal cambiamento climatico, con particolare enfasi sul ruolo della presenza mentale. Basandosi su brani di versioni parallele degli antichi testi buddhisti esistenti in pāli, sanscrito, cinese e tibetano, tre possibili reazioni al cambiamento climatico vengono messe in correlazione con i tre inquinanti radice riconosciuti nell’antica psicologia buddhista: avidità, rabbia e illusione. Riconoscerli richiede un’osservazione consapevole basata sull’intenzione compassionevole di non nuocere. Il nobile ottuplice sentiero stabilisce il contesto per la collaborazione di tale intenzione compassionevole con la coltivazione della presenza mentale. Secondo la similitudine dei due acrobati, proprio la coltivazione della presenza mentale genera le basi per stabilire dentro di sé l’equilibrio necessario per aiutare gli altri.

Corsi collettivi di yoga da Lunedì 23 settembre 2019 in via Orazio Vecchi 55 Infernetto Roma

Per approfondimenti sulla pratica di yoga andare alla voce di menu yoga di gruppo

 

lunedì

martedì

mercoledì

giovedì

venerdì

 

10.00-11.15
yoga (principianti)

 

 

10.00-11.15
yoga (principianti)

18.00-19.15 (principianti)
yoga (dal 4 novembre) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20.00-21.15
yoga

 

 20.00-21.15
meditazione

20.00-21.15
yoga

 

Seminario esperienziale/teorico

SULL'INSEGNAMENTO DELLO YOGA A DUE (o yoga individuale)

Problematiche fisiche (1° parte) e mentali/emotive (2° parte)

Gianfranco Del Moro

15-16 febbraio 2020 Treviso

Seminario esperienziale/teorico

SULL'INSEGNAMENTO DELLO YOGA A DUE (o yoga individuale)

Problematiche fisiche (1° parte) e mentali/emotive (2° parte)

Gianfranco Del Moro

22-23 febbraio 2020 Roma

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde