Questo sito non utilizza cookies a scopo di tracciamento o di profilazione. L'utilizzo dei cookies ha fini strettamente tecnici. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.
Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie cliccare su "Maggiori informazioni"

seminari yoga

SEMINARI TRIESTE 2019-2020

Un'emozione esplosiva che avvelena la vita

Suggerimenti di pratica sulla rabbia e il risentimento

Seminario Yoga esperienziale/teorico

Con Gianfranco Del Moro

1-2 febbraio 2020 Trieste

Centro Shanti - via Carducci, 12 - 34133 Trieste

La rabbia: spesso ci sentiamo destabilizzati dalla potenza di questa emozione che possiamo percepire non gestibile Un accesso di ira può portare alla luce rapidamente risentimenti inespressi, intrusioni non riconosciute e situazioni di disagio disattese. Alcune frasi esprimono bene questa esperienza: perdere le staffe, essere in preda all'ira, essere un fiume in piena, sentirsi furiosi.

Negli insegnamenti buddhisti la rabbia è spesso paragonata metaforicamente alle “fiamme di una foresta che brucia ormai fuori controllo” o ad un “elefante infuriato”.

Perché questi paragoni forti? Perché la rabbia reagisce molto velocemente, nella maggior parte dei casi non facciamo in tempo a controllarla, tende ad esplodere (spesso rumorosamente) verso l'esterno o ad “implodere” (in modo non altrettanto manifesto ma certamente rovinoso per chi la vive) verso l'interno, in entrambi i casi distruttivamente. Parole arrabbiate che feriscono, pugni arrabbiati che battono, azioni arrabbiate che distruggono le relazioni, reazioni arrabbiate che mandano a monte gli affari o il lavoro, fino ad armi arrabbiate che uccidono.

Gli insegnamenti di alcune tradizioni sapienziali (Yoga e Buddhismo, ad esempio) sostengono che c'è un terzo modo di “gestire” la rabbia che non sia permettere di “esplodere” all'esterno o di “implodere” all'interno, vale a dire, di agire o di reprimere la rabbia.

Durante questi due incontri condivideremo spunti di pratica sulla rabbia rifacendoci ad alcuni preziosi insegnamenti dello Yoga e del Buddhismo. La parte teorica sarà integrata da una parte pratica di āsana e meditazione.

Orari

sabato 1 febbraio: ore 16.00-19.00 - domenica 2 febbraio: ore 09.30-12.30

Dove

Centro Shanti - via Carducci, 12 - 34133 Trieste

Quota di partecipazione

Seminario completo: 75€. Solo sabato o solo domenica: 45€ (quote comprensive di iscrizione associazione Ayco). Minimo partecipanti: 15 persone.

Iscrizioni

Necessaria la prenotazione via email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Il Corso è accreditato dalla Y.A.N.I. Yoga Associazione Nazionale Insegnanti ai fini della formazione continua degli insegnanti yoga per un totale di 6 ore di aggiornamento professionale.

Gianfranco Del Moro è presidente di AYCO, associazione in cui insegna Viniyoga e Vipassanā, e Direttore della Scuola di Formazione Insegnanti Yoga nelle sedi di Roma e Treviso. Insegnante formatore dal 2003, ha studiato e praticato con Vimala Thakar, T.K.V. Desikachar, A.G. Mohan, Claude Marechal, Corrado Pensa, Ajahn Sumedho, Ajahn Sucitto, John Peacock, Christina Feldman, Akincano Mark Weber, Stephen Batchelor e altri. Giornalista pubblicista, è Direttore Responsabile di Percorsi Yoga, rivista dell'Associazione Nazionale Insegnanti Yoga (Yani).

 

Cosa intendiamo con la parola consapevolezza? Intendiamo la pura attenzione silenziosa e non giudicante presente nel momento presente. E contemplare il corpo e la mente vuol dire osservare con questa attenzione le sensazioni fisiche, l’avvicendarsi di attrazione e repulsione nella nostra mente, il succedersi di emozioni e stati d’animo; vuol dire osservare i pensieri e le immagini che accompagnano gli stati d’animo.

Corrado Pensa da Il Silenzio tra Due Onde